Cultura e societÓ

Ardia di Sedilo, rinnovato il voto a San Costantino.

07/07/2017

Ardia di Sedilo, rinnovato il voto a San Costantino. La fede e la tradizione hanno prevalso ancora una volta sulle immancabili polemiche che hanno accompagnato anche quest'anno la vigilia dell'Ardia, la tradizionale processione in onore di San Costantino, che si svolge ogni anno, il 6 e 7 luglio nell'omonimo santuario a Sedilo. 

Spettacolo, folla e tanto caldo hanno fatto da cornice all'evento che ha richiamato migliaia di persone, turisti  e devoti pellegrini, nel suggestivo anfiteatro naturale che si affaccia sulla splendida vallata del lago Omodeo.

Queanno la guida dell'Ardia, la prima pandela è caduta su Pasquale Mureddu, mentre Giovanni Norio e Fabrizio Delogu hanno vestito i panni della seconda e terza pandela.  

Al termine della consueta benedizione da parte del parroco di Sedilo, il corteo in processione si è spostato dalla piazza della Chiesa al santuario.

Sulla sommità de su "fronte mannu" don Battista Mongili ha  impartito la seconda benedizione, rinnovata anche a "Su frontigheddu", la collina  che sovrasta il santuario.

Gli spari a salve dei fucilieri hanno dato il via libera ai cavalieri dell'Ardia nella spettacolare discesa verso l'arco di San Costantino.
Il cavallo, spronato dalla prima pandela, ha fatto scattare la corsa degli oltre cento cavalieri nella pericolosa e ripida discesa che li ha portati all'interno dell'arco e nel piazzale della Chiesa, davanti ad oltre 30mila spettatori. 

Gli spari, gli zoccoli dei cavalli, che sfiorano i muretti, le urla della folla sono gli elementi principali che accompagnano i protagonisti della manifestazione che si conclude con il segno della croce del capo crosta davanti alla chiesa. 

San Costantino ha fatto il miracolo grazie alla fede immutata dei sedilesi che si tramanda da secoli.
Commenta

L'indirizzo email non verrÓ pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.


max 1000 caratteri, non sono ammessi tag HTML

Inserisci il testo riportato sotto

Con l'invio del commento, dicharo di aver preso visione dell'informativa sulla privacy di L˛gosblog